U disertu di i Tartari di Dino Buzzati

Recensione, argumenti è curiosità di U disertu di i Tartari di Dino Buzzati

Aghju uttenutu stu libru fora di a biblioteca perchè u mo cumpagnu di cumpagnu m'hà ricumandatu à mè. Avemu dighjà cunnisciutu i nostri gusti è quandu mi raccomanda qualcosa, di solitu hà ragione. U disertu di i Tartari hè u capulavoru o magnum opus di Dino Buzzati. In questa edizione di Alianza Editorial a traduzzione hè di Esther Benítez.

Cù a prima traduzzione spagnola in Gadir Editorial in u 1985 hè ghjunta una prefazione da Borges. Videmu se possu truvà l'edizione o u prologu è possu leghje ch'ella ùn hè micca venuta cun quella di Alianza Editorial.

Argumentu

U tenente Giovanni Drogo hè assignatu à a Fortezza Bastiani, una furtezza di fruntiera, chì cunfina cù u desertu duv'elli devenu difende u paese da un'invasione, quella di i Tartari chì ùn ghjunghje mai.

A brama di tutti i membri di a furtezza hè di rializà grandezza in cumbattimentu, difendendu a so patria, ma Bastiani hè una fruntiera morta davanti à un desertu induve videremu passà a vita di l'omi in a rutina cutidiana. Ùn avè nunda à fà è nunda à aspirà. Monotunia. A chjama di u disertu, a malincunia. rutina

Se devessi definisce stu libru cù una sola parolla seria malincunia. Aghju esitatu trà rutina è malincunia, ma lasceraghju fora a tristezza (per A tomba di i lucciole), o a solitudine chì seria assignata Pioggia gialla.

Arrugà si à a nostra mailing list

U passu di u tempu, inesorabile, lascia passà a vita in cambiu di speranza invece di sfruttalla al massimu.

Ghjunghje à a fine di a vita è capisce u sbagliu.

Sè site unu di quelli chì li piace l'azzione in i rumanzi, ùn circate micca di leghje, se vulete una lettura allegra per alzà u vostru spiritu, ùn la raccomandu mancu. D'altra parte, se vulete riflette nantu à e cose impurtanti in a vita è quandu campà, fate una prova.

Hè curiosa perchè appena u libru hè statu finitu m'hà lasciatu un pocu indifferente. Ma cù u passatu di e settimane, u sensu di a grandezza si intensifica quandu si parla d'ellu è apparisce in parechje di e mo riflessioni. È apprezzu assai questi libri chì più u tempu passa, più li ricordate ..

Cù u tempu

Qualcosa chì di solitu scrivu sò e referenze chì facenu cù u tempu. Hè un tema chì diventa ricurrente in i mo interessi. Se vi piace ancu pudete leghje Cumu travaglia u tempu Pioggia gialla

In questu libru ùn sò micca statu capace di risiste à trascrive un coppiu di frammenti chì mi sò piaciuti assai di u passu di u tempu.

È intantu, precisamente quella notte - oh, se l'avia sappiutu, forse ùn averia micca voglia di dorme - precisamente quella notte hà cuminciatu per ellu u volu irreparabile di u tempu.

Sin’à tandu avia avanzatu per l’età spenserata di a so prima ghjuventù, un caminu chì pare infinitu da zitellu, attraversu u quale l’anni passanu pianu è cù passi legeri, per chì nimu si noti di a so partenza. Caminemu placidamente, fighjulendu intornu cun curiosità, ùn ci hè bisognu à fretta, nimu ùn ci fastidia da daretu è nimu ci aspetta, ancu i cumpagni avanzanu senza apprehensione, fermendu spessu à scherzà. Da e case, à e porte, l'anziani salutanu benignamente, è facenu gesti chì indicanu l'orizonte cù i surrisi di intelligenza; Cusì u core cummencia à batte cù desideri eroici è teneri, a vigilia di e cose meravigliose chì s'aspettanu dopu hè savurata; Ci vedenu sempre, nò, ma hè sicuru, assolutamente sicuru, chì un ghjornu li ghjunghjeremu.

Ci ferma ancu assai? Innò, basta à francà quellu fiume in fondu, à francà quelle verdi colline. Ùn simu digià ghjunti, per casu? Ùn sò forse micca sti arburi, sti prati, sta casa bianca ciò chì circhemu? Per un mumentu dà l'impressione chì iè è si vole piantà. Più tardi si sente dì chì avanti hè megliu, È a strada hè ripresa senza pensà.

Cusì si cuntinuveghja à marchjà à mezu à un'attesa sicura, è i ghjorni sò longhi è calmi, u sole splende in altu in u celu è pare chì ùn vole mai cascà versu l'Ovest.

Ma à un certu puntu, guasgi istintivamente, si volta in daretu è una porta s'hè ingutuppata daretu à voi, chjudendu a via di u ritornu. Tandu senti chì qualcosa hè cambiatu, u sole ùn pare più immobile, ma si move rapidamente, ahimè! Ùn ci hè guasi tempu per fighjà lu è si precipita digià versu a riva di l'orizonte; si n'adduna chì i nuvuli ùn stagnanu più in i golfi turchini di u celu, ma fughjenu, si sovrapponenu l'uni à l'altri, tanta hè a so fretta; si capisce chì u tempu passa è chì u viaghju duverà compie ancu una ghjurnata tranquilla.

À un certu puntu chjudenu una porta pesante daretu à noi, a chjudenu à a velocità di u lampu è ùn ci hè tempu per vultà. Ma Giovanni Drogo in quellu mumentu durmia, ignurante, è surrisu in i so sogni cum'è i zitelli.

Passeranu ghjorni chì druggone capiscia ciò chì hè accadutu. Sarà tandu cum'è un svegliu. Fighjerà intornu cù incredulità; dopu senterà una stampa di passi chì venenu da daretu à ellu, è hè davanti à ellu per ghjunghje prima. Senterete u colpu di u tempu scansà cun impazienza per a vita. E figure surridenti ùn appareranu più à e finestre, ma facce immubiliate è indiferenti. È s'ellu dumanda quanta strada hè rimasta, punteranu di novu versu l'orizonte, iè, ma senza alcuna gentilezza o gioia. Intantu i cumpagni seranu persi di vista, certi seranu lasciati stanchi; un altru hè scappatu davanti; avà ùn hè chè un puntu chjucu à l'orizonte.

Daretu à quellu fiume - a ghjente dicerà - dieci chilometri in più è sarete ghjuntu. Ma ùn finisce mai, i ghjorni diventanu sempre più corti, i cumpagni di viaghju più scarsi; figure pallide apatiche scuzzulanu u capu à e finestre.

Finu chì Drogo ùn hè micca solu solu è a frangia di un immensu mare turchinu, di culore di piombu, apparisce à l'orizonte. Avà serà stancu, e case longu à a strada averanu guasi tutte e finestre chjose è e poche persone visibili risponderanu cù un gestu scunsulatu: u bè hè daretu, assai daretu, è hè passatu davanti senza sapè lu. Oh, hè troppu tardi per vultà, daretu à ellu u rughjone di a folla chì u seguita s'allarga, spintu da a stessa illusione, ma sempre invisibile nantu à a strada bianca diserta.

E dopu vicinu à a fine di u libru

Oh, sì solu s'ella ci avessi pensatu a prima notte ch'ella pigliò a scala una à a volta! Si sintia un pocu stancu, hè vera, avia un anellu in capu è ùn avia brama di u solitu ghjocu di carte (ancu nanzu, altrimente, avia qualchì volta rinunciatu à corre per e scale per via di guai occasionali). Ùn era micca culpitu da u più luntanu suspettu chì quella notte era assai trista per ellu, chì nantu à sti scalini, à quella ora specifica, a so ghjuventù finia, chì u lindumane, senza ragione speciale, ùn turnaria più à u vechju sistema, micca u ghjornu dopu, micca più tardi, micca mai.

Galeria di foto

Alcune foto chì aghju pigliatu da i libri. Benchì ùn si parli di alcuna oasi o di l'ambiu pare chì sia un desertu chì cuntene oasi. Mi era divertitu di mette ne unu. Ma ùn aghju micca abusatu è ùn aghju micca messu i cammelli ;-)

U filmu

Avà mentre scrivu sta rivista è cercu qualchì infurmazione, aghju vistu chì ci hè un filmu, un'adattazione di 1976 da Valerio Zurlini, hè una produzzione italo-francese-tedesca.

Pruveraghju à circallu è se u possu vede, cuntu quì cumu stai

Aspettendu i barbari di u Premiu Nobel in literatura hè statu ancu scrittu John Maxwell Coetzee in u 1980 ispiratu da u libru di Buzatti

Quale sò i Tartari?

Ùn pudemu micca lascià u libru senza riferisce si à i Tartari. Secondu Wikipedia Hè u nome cullettivu datu à i populi turchi di l'Europa orientale è di Siberia. À l'origine i populi mongoli di u XIII seculu eranu chjamati cusì, ma finì per esse generalizati è chjamendu Tartaru qualsiasi invasore asiaticu da a Mongolia è da l'Asia occidentale.

Hè un sughjettu chì per u momentu ùn aghju micca da espansione, ma chì lasciu da quì scrivu in casu chì in u futuru u mo interessu si svegliessi è ci ritornu.

Lascià un cumentu